EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Home > Ambiente > Rifiuti: verso il compost organico “made in Sardegna”

Rifiuti: verso il compost organico “made in Sardegna”

Accordo tra Regione e Consorzio italiano Compostatori

È stato rinnovato l’accordo di programma fra Regione e Cic, il Consorzio italiano Compostatori, che aveva condotto a un salto di qualità degli impianti isolani di trattamento dei rifiuti grazie alla formazione specializzata degli operatori.

Il documento, siglato dall’assessore dell’Ambiente, Donatella Spano, e dal presidente del Cic Alessandro Canovai, intende promuovere nel territorio regionale la raccolta differenziata e il trattamento dei rifiuti organici compostabili per un riuso sui campi.

L’accordo stretto con la struttura nazionale senza fini di lucro prevede di completare il manuale di utilizzo del compost e la creazione del marchio di qualità “Compost Sardegna”.

L’esponente dell’esecutivo conferma l’impegno della Regione a supportare tutti i meccanismi di virtuosità in materia di rifiuti. «Siamo impegnati a dare continuità al riutilizzo del compostaggio nei terreni isolani, ormai caratterizzati da povertà di sostanze organiche, puntando al miglioramento della qualità del prodotto – ha dichiarato l’assessore Spano, la quale evidenzia in merito una buona pratica di sostenibilità. La frazione organica rappresenta l’unico rifiuto interamente recuperato in Sardegna».

Lascia un commento